Le caratteristiche principali da valutare acquistando un cardiofrequenzimetro

Il cardiofrequezimetro è uno strumento molto utile per chiunque svolga attività fisica oggigiorno. Per le attività all’aperto ma anche per le attività al chiuso, con questo dispositivo elettronico vi sarà possibile controllare costantemente la frequenza dei vostri battiti durante l’attività fisica svolta. Il cardiofrequenzimetro è uno strumento molto utile soprattutto per chi pratica attività agonistica, diffondendosi in questi ultimi anni anche verso chi si allena a livello amatoriale. L’apparecchio può misurare i battiti cardiaci nell’arco di un minuto e si colloca al polso come un’orologio. Infatti, può essere considerato un vero e proprio orologio che misura la frequenza cardiaca.

Con un cardiofrequenzimetro si potrà controllare i battiti cardiaci grazie ai sensori posizonati sotto il bracciale

Oltre alla collocazione sul polso, il cardiofrequenzimetro può possedere anche una fascia che va inserita all’altezza del torace. Grazie a questi due elementi è possibile monitorare l’attività fisica rendendo più efficiente il nostro allenamento. Infatti, con l’ausilio di un cardiofrequenzimetro vi sarà possibile raggiungere obiettivi come la perdita di peso o l’aumento della massa muscolare, sia che esso sia un cardio da polso senza fascia che un frequenzimetro con fascia.

Fra i punti di forza da considerare di un cardiofrequenzimetro rientrano senz’altro le sue dimensioni limitate che risultano molto pratiche all’utilizzo. Con l’ausilio di una fascia toracica oppure di un semplice accessorio da polso che potrà essere sufficiente, si potrà controllare i battiti cardiaci senza particolari sforzi fisici. Naturalmente, se si hanno particolari esigenze nel raggiungere determinati risultati, un modello avanzato di cardio da polso è quello che fa al caso nostro. Se invece abbiamo solamente bisogno di un prodotto per esercitarsi da casa sul nostro tapis roulant, ci sono numerosi cardiofrequenzimetri di basso prezzo che possono essere ciò che si desidera. Infatti, questi ultimi modelli misurano solamente la frequenza cardiaca e non hanno altre particolari funzioni, mentre i modelli dettagliati e altamente tecnologici possono avere molteplici funzioni, come ad esempio un cronometro, un chip per il conteggio dei passi, etc.

Quando si desidera acquistare un cardiofrequenzimetro, si necessita anche di controllare la sua autonomia. Questo perché successivamente a tale verifica è possibile capire per quanto tempo possiamo utilizzarlo e quindi capire che tipo di attività fisica possiamo monitorare con tale modello. Ad esempio, un cardio con un sistema GPS avrà un’autonomia di 6-8 ore circa, mentre un modello senza una funzione come quella del Gps avrà molte più ore di autonomia. Ad ogni modo, ogni modello presenterà un display su cui poter visualizzare i battiti grazie ad un’interfaccia grafica da dove controllare le pulsazioni durate l’attività.

Il primo fattore da valutare aquistando un cardiofrequenzimetro è la durata della batteria

Alcune caratteristiche come ad esempio uno schermo con tasti fisici od uno touch possono cambiare il prezzo del prodotto. È bene considerare le proprie esigenze personali prima di procedere all’acquisto di un modello con o senza touch screen, visto che il prezzo potrebbe aumentare o diminuire in base a questo piccolo dettaglio. Altri dettagli minimi possono far cambiare il valore del prodotto, come ad esempio la resistenza del modello all’acqua. È possibile quindi utilizzare un cardiofrequenzimetro anche sott’acqua durante un’attività di nuoto ad esempio. Vi chiederete ora dove è possibile acquistare un prodotto come un cardiofrequenzimentro. Sappiate che è possibile acquistarlo anche in un semplice supermercato. Tuttavia, i modelli dei supermercati sono certamente inferiori a quelli che potrete trovare in un centro sportivo o in un negozio di settore. Un consiglio che possiamo darvi è quello di controllare online non solo i modelli più in voga dell’anno, ma anche quelli che potrebbero fare al caso vostro. Soprattutto durante le festività, vi sarà possibile trovare prodotti scontatissimi e altrimenti abbastanza cari.

Inoltre, un altro elemento da non prender sottogamba è la marca del prodotto. Una delle marche più economiche è la Geonaute. Quest’ultima dispone di cardiofrequenzimetri con funzioni minime di cui potrete usufruire senza particolari accessori o funzioni complicate per praticare allenamenti semplici e di poche ore. Se si desidera un buon prodotto dall’ottima qualità-prezzo, Garmin è senza dubbio una delle migliori marche in circolazione. Con Garmin avrete prodotti che possono soddisfare anche le esigenze più dettagliate e complicate, come ad esempio fornire un conteggio dei passi, dei chilometri percorsi ed altre funzioni accessorie particolari. Se invece si desidera andare sopra di qualità consigliamo di dare un’occhiata ai prodotti Polar. Polar è un brand parecchio gettonato fra gli sportivi professionisti e non solo e produce ottimi cardiofrequenzimetri Gps senza fascia. Per questo sono ritenuti fra i migliori cardiofrequenzimetri, sia da polso che senza fascia toracica e, soprattutto, sono ottimi anche i modelli di cardio Polar con bluetooth. Inoltre, l’assistenza Polar è una fra le migliori, sia per quanto riguarda gli orologi cardiofrequenzimetro senza fascia toracica che quelli con fascia.

Principali funzioni di un cardiofrequenzimetro

La resistenza all’acqua permette di tenere sotto controllo attività di qualsiasi tipo, come il nuoto ad esempio

Se la nostra scelta durante l’acquisto andrà a parare verso un prodotto qualitativo, quest’ultimo avrà notevoli funzioni accessorie che dimostreranno il suo valore e la sua versatilità rispetto a modelli più economici. Considerando i modelli d’alta tecnologia, una delle funzioni accessorie principali è quella del GPS. La funzione GPS consente di sapere sempre il percorso che stiamo facendo, la velocità che stiamo percorrendo ed inoltre l’altitudine. Per chi si allena all’aperto, la funzione GPS è senza dubbio un aiuto notevole che può renderci molto più consapevoli del nostro allenamento.

Altra funzione interessante dei modelli più avanzati è il conto delle calorie bruciate. Se uno dei nostri obiettivi principali è quello di perdere peso, controllando il conto delle calorie bruciate è possibile capire meglio a che livello di ‘peso’ siamo arrivati. Questa funzione può risultare motivante se si desidera perder peso, in quanto possiamo controllarci frequentemente e capire quando è il momento di spingere di più o di meno. Altra caratteristica che possiedono i modelli più costosi e qualitativi è la resistenza all’acqua. I modelli di questo genere possono essere resistenti agli schizzi, a grandi quantità di sudore o per immersioni in acqua. Questa caratteristica è senz’altro utile per le discipline acquatiche. Per tali discipline esistono cardiofrequenzimetri specifici per questo tipo di attività, in quanto risultano resistenti all’acqua e alle grandi profondità.

C’è da valutare anche se il cardiofrequenzimetro sia dotato di Bluetooth che permette di passare i dati monitorati sull’app dello smartphone

Spesso si necessita di trasferire i dati dal nostro cardio verso un altro dispositivo, soprattutto se si esegue attività agonistica. Per questo motivo è opportuno controllare che il bracciale del cardiofrequenzimetro in questione abbia software adatti che possano trasferire i dati su tablet, smartphone o pc, in modo da controllare cautamente i nostri progressi. Il cronometro è un’altra funzione che può tornare molto utile. Solitamente, nei modelli più avanzati il cronometro è già presente nel prodotto, mentre per altri modelli è possibile comprarlo separatamente. È opportuno quindi valutare di acquistarlo a parte per evitare di portarsi dietro un ulteriore oggetto (come ad esempio un orologio). Alcuni cronometri possiedono anche la sveglia, il conto alla rovescia e l’orologio.

Una funzione piuttosto avanzata all’interno dei cardiofrequenzimetri di ultima generazione è la funzione multi-sport. Quest’ultima consente di controllare simultaneamente più attività sportive. In questo modo potete controllare, ad esempio, la vostra corsa in salita e la vostra nuotata in piscina (sempre se il modello è resistente all’acqua). Altra funzione che è installata in modelli di ultima generazione, è l’Activity Tracker. Quest ultimo può aiutarvi a conteggiare i passi ma anche a monitorare le vostre ore di sonno, assistendovi quindi durante tutto l’arco della giornata. Questa funzione può essere utile sia per cardio da corsa che per cardiofrequenzimetri dedicati al ciclismo o anche al nuoto.

Ultima ma non meno importante funzione di cardiofrequenzimetri è la trasmissione codificata. Con questa funzione è possibile impedire interferenze con altri dispositivi e viene utilizzata in ambiti professionali come gare o competizioni agonistiche. Questo perché impedisce all’atleta di interferire il proprio cardiofrequenzimetro con linee di alta tensione o altri elementi disturbanti.

Considerazioni prima dell’acquisto

E’ necessario un display facilmente leggibile con un buon sistema d’illuminazione

A questo punto che abbiamo analizzato grandi linee tutte le possibili componenti di un cardiofrequenzimetro, è il momento di capire come poter procedere verso un eventuale acquisto e come poter capire qual è il modello che fa al caso nostro. Innanzitutto, un modello buono possiede una fascia toracica che misura in maniera precisa i battiti. Fate attenzione che la fascia cardiaca non sia aderente e che, soprattutto, l’orologio ne abbia almeno una inclusa. Vi consigliamo di controllare, prima di tutto, che essa risulti regolabile, in modo da poterla posizionare con comodo sul torace e senza così acquistare una fascia che non è della nostra misura.

Per quanto riguarda il display del dispositivo, esso deve risultare ben visibile mentre si svolge l’attività. Importante in questo caso è verificare l’illuminazione del prodotto e capire come poterla inserire, soprattutto se facciamo attività quand’è buio o sott’acqua. Solitamente i display sono in lingua straniera ma alcuni modelli sono tradotti anche in lingua italiana.

Un’altra cosa che potrete considerare effimera prima dell’acquisto è la forma del cardiofrequenzimetro. La forma può essere quadrata, rotonda, rettangolare o ovale. Tuttavia, più che la forma in sé, sono le dimensioni che contano: un cardiofrequenzimetro troppo invadente potrebbe darvi noia durante una corsa, consigliamo quindi di prendere un modello piccolo e che non ci ostacoli durante l’allenamento. Altra caratteristica da non sottovalutare è il cinturino per il polso. Visto che fra donne e uomini ci sono esigenze diverse (le donne hanno polsi sostanzialmente più stretti degli uomini) c’è bisogno che ci siano più buchi nel nostro cinturino in modo che si possa usufruire comodamente dell’orologio.

Non sottovalutiamo design e comodità, il cardiofrequenzimetro deve essere comodo e leggero in modo tale da non essere disturbati durante l’allenamento

Cosa importante da verificare è la possibilità di sostituire la batteria con un’altra eventualmente scarica. Non tutti i modelli hanno questa possibilità e consigliamo quindi di controllare e assicurarsi che la batteria possa essere sostituibile altrimenti il prodotto dovrà essere buttato via.

Oggigiorno, la compatibilità con altri dispositivi come pc o smartphone è fondamentale per un oggetto come un cardiofrequenzimetro. Controllare che si possa trasferire i dati da un dispositivo all’altro è senz’altro indispensabile, anche se a primo impatto si pensi che non ci possa servire. In questo modo possiamo conservare i nostri dati d’allenamento in modo che non vadano persi. Per assicurarsi inoltre che il prodotto abbia tutte le funzioni che si desiderano, è opportuno, se possibile, controllare il suo manuale d’istruzioni, non solo per capire come utilizzare tutte le sue funzioni, accessorie e non, ma anche per saperne di più sulla sua garanzia. Quest’ultima solitamente va da 1 a 3 anni e più la garanzia è lunga più il prodotto sarà, nella maggior parte dei casi, di qualità.

I prezzi dei cardiofrequenzimetri

Infine dobbiamo considerare i prezzi dei cardiofrequenzimetri e come sono correlati in base alla loro qualità. I costi di un cardiofrequenzimetro variano dai 30 ai 300 euro. I modelli base non vanno sopra i 100 euro mentre i modelli più avanzati vanno dai 250 ai 300 euro. Fra i 50 e i 150 rientrano i modelli intermedi che consigliamo ad ogni tipo di utenza, in quanto possiedono un ottimo rapporto qualità prezzo.

I prezzi oscillano in base a diversi fattori come ad esempio i tipi di funzioni presenti, i materiali utilizzati e la marca. Nonostante la fascia toracica sia un elemento fondamentale, oggigiorno stanno nascendo modelli di ultima generazione con solo l’orologio da polso. Questi ultimi sono molto costosi ed hanno una tecnologia avanzata. Non solo un’alta tecnologia, ma tolgono un ‘peso’ dall’atleta, evitando così di collocare la fascia sul torace e risultare più liberi durante l’allenamento.

Come abbiamo detto precedentemente, Garmin è una fra le migliori marche sul mercato ma altri ottimi brand da considerare sono Oregon Scientific, Suunto e Polar. Se si desidera spendere leggermente meno ma si vuole un modello che abbia una buona qualità, vi consigliamo di andare verso modelli più vecchi ma sempre appartenenti ai brand sopracitati. Nonostante non abbiano l’ultima tecnologia del momento o non risultino aggiornati all’anno corrente, i modelli meno recenti possono avere comunque le funzioni di cui abbiamo bisogno.

Al punto di procedere per l’acquisto, consigliamo sempre di prediligere la qualità al prezzo, ovvero considerare che il prodotto deve risultare affidabile in quanto deve monitorare il nostro allenamento in maniera precisa e corretta. Sempre meglio spendere qualche euro in più per un cardiofrequenzimetro qualitativo che voler risparmiare a tutti i costi per un modello che non risulta attendibile.

Tiriamo le somme

Le funzioni all’interno dei cardiofrequenzimetri avanzati sono molteplici e fra esse rientrano il contapassi e il consumo di calorie

Il cardiofrequenzimetro è un prodotto che ogni utente può utilizzare a proprio scapito per ogni tipo di attività fisica o esercizio che si voglia svolgere. Tuttavia, è sempre bene capire quali sono le proprie esigenze personali ed adattarle in base al prodotto che si vuole acquistare. Importante è quindi testare la praticità di utilizzo del cardiofrequenzimetro, in modo da capire quali sono le funzioni che a noi tornano comode utilizzare.

Le funzioni all’interno dei cardiofrequenzimetri sono molteplici e fra esse rientrano il contapassi, il consumo di calorie ed altri accessori che abbiamo descritto precedentemente in questo articolo. Grazie a determinate tecniche si può utilizzare il prodotto in maniera tecnica e specifica oppure basilare. Ad esempio, se si necessita di fare sport agonistico si ha senz’altro bisogno di un prodotto con funzionalità avanzate, in modo da eseguire un’attività fisica che rispecchia la nostra professionalità. Un nuotatore che vuol monitorare la sua attività, ad esempio, non necessiterà di un cardiofrequenzimetro che non rispetta le sue esigenze sportive, bensì avrà bisogno di un modello subacqueo dotato di una custodia adatta per stare sott’acqua.

I cardiofrequenzimetri multisport permettono sia di eseguire attività sott’acqua che svolgere corsa, bicicletta, così da poter monitorare ogni sport

Ciononostante, i cardiofrequenzimetri d’oggigiorno risultano altamente sviluppati ed alcuni modelli si possono adattare ad ogni tipo d’attività sportiva. Con la funzione “multisport” è possibile sia eseguire attività sott’acqua che svolgere corsa, bicicletta e altri tipi di attività, così da poter monitorare ogni sport che si esegue senza perder di vista il nostro battito cardiaco. Per uno sport come il triathlon, un cardio con tale funzione è senz’altro l’ideale. Con tale, funzione, dopo avere eseguito le nostre attività, si possono trasferire su un computer o su altri dispositivi, in modo da controllare ogni nostro progresso durante la nostra attività fisica.

Ricordatevi inoltre che prima di trasferire i vostri dati su altri dispositivi necessitate di vedere i dati del vostro battito cardiaco sul cardiofrequenzimetro stesso. Per questo un display leggibile è necessario insieme al suo sistema d’illuminazione. Specialmente se andate a correre durante ore di buio si ha bisogno che il display sia illuminato per far in modo che il cardiofrequenzimetro sia effettivamente utile per noi e per il nostro allenamento. Un’altra funzione che può esservi d’aiuto è un segnale sonoro che avvisa quando il cuore è in leggero sovraccarico dato da uno sforzo eccessivo. In questo modo non rischierete di affannarvi o strafare durante l’attività, eseguendo solo quello che ritenete necessario per la vostra salute. Ultima ma non meno importante è la leggerezza del prodotto. Se il cardiofrequenzimetro risulta esile e non pesante risulterà piacevole andare a correre con tale prodotto, visto che non ingombrerà minimamente ed ingombrerà ancora meno se esso non ha una fascia toracica (ma questi sono modelli di ultima generazione, solitamente).

A questo punto non vi resta che scegliere il vostro cardiofrequenzimetro, potendosi basare su alcune piccole linee guida qui descritte. Tuttavia, è importante formulare una propria personale opinione, in modo da scegliere il modello di cardiofrequenzimetro che fa al caso nostro e si adatta maggiormente alle nostre esigenze.

Commenta per primo

      Leave a reply

      Sport Tracker